Seconda tappa “Natura e paesaggio nella provincia di Salerno”

๐‚๐‡๐ˆ๐„๐’๐€ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐€๐ ๐๐„๐๐„๐ƒ๐„๐“๐“๐Ž ๐ƒ๐€ ๐๐Ž๐‘๐‚๐ˆ๐€
๐‚๐‡๐ˆ๐„๐’๐€ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐€๐ ๐๐„๐๐„๐ƒ๐„๐“๐“๐Ž ๐ƒ๐€ ๐๐Ž๐‘๐‚๐ˆ๐€

Sorge in concomitanza con il viluppo del rione che prese il nome della famiglia Ardingon la quale possedeva quei terreni intorno all’anno 1000.

Oggi ci occupiamo della Chiesa di San Benedetto da Norcia.

๐’๐ž๐œ๐จ๐ง๐๐จ ๐š๐ฉ๐ฉ๐ฎ๐ง๐ญ๐š๐ฆ๐ž๐ง๐ญ๐จ ๐œ๐จ๐ง ๐ฅ๐ž ๐ข๐ง๐Ÿ๐จ๐ซ๐ฆ๐š๐ณ๐ข๐จ๐ง๐ข ๐ซ๐ข๐ ๐ฎ๐š๐ซ๐๐š๐ง๐ญ๐ข ๐ข๐ฅ ๐ฉ๐š๐ญ๐ซ๐ข๐ฆ๐จ๐ง๐ข๐จ ๐ฌ๐ญ๐จ๐ซ๐ข๐œ๐จ, ๐š๐ซ๐ญ๐ข๐ฌ๐ญ๐ข๐œ๐จ, ๐œ๐ฎ๐ฅ๐ญ๐ฎ๐ซ๐š๐ฅ๐ž ๐ž ๐ซ๐ž๐ฅ๐ข๐ ๐ข๐จ๐ฌ๐จ ๐๐ข ๐€๐ง๐ ๐ซ๐ข.

I dettagli della chiesa

Attualmente la chiesa non รจ visibile interamente dalla strada Ardinghi, del rione omonimo. Tale rione รจ insieme a via di Mezzo la seconda via piรน antica della cittร . Fa parte della parrocchia della SS. Annunziata.

Presenta un ampio spazio esterno, caratterizzato da una piazzetta racchiusa tra i palazzi e la cancellata principiale d’accesso. Nel 1994 sono stati riportati alla luce antichi decori e parte della pavimentazione originaria, situata a oltre un metro sotto il piano di calpestio.

La chiesa venne eretta inizialmente in puro stile gotico nel VIll secolo, successivamente in stile baracco durante i lavori della prima restaurazione. La piรน antica opera artistica custodita all’interno della chiesa รจ un polittico attribuito al pittore italiano Cristoforo Scacco di Verona e datata l’anno 1503.

La chiesa presenta tre navate e nonostante venne eretta nella seconda metร  del Settecento, all’esterno si presenta con una facciata semplice, a due registri, scandita da 4 paraste lisce che incorniciano al centro il portale in piperno sormontato da un timpano mistilineo aperto, a destra e a sinistra due ovali.

Nel registro superiore notiamo a sinistra l’alloggio delle campane, essendo la chiesa sprovvista di campanile, e a destra un vano rettangolare. Centralmente vi รจ un altro ovale.

Troviamo inoltre una statua in cartapesta di dimensioni umane della Madonna, mentre nella navata alla sinistra dell’altare maggiore, vi รจ una teca di vetro contenente la statua di san Giuseppe sempre di dimensioni umane, che tiene in braccio Gesรน Bambino.

Altro elemento importante รจ un dipinto della Madonna col Bambino realizzato con la tecnica dell’olio su tela e attribuito al celebre artista locale Mario Carotenuto.

La festa della traslazione del corpo e la facciata

Ogni 11 luglio viene celebrata la festa della traslazione del corpo di San Benedetto da Norcia, che tra l’altro รจ anche un santo patrono cattolico d’Europa. La festivitร  viene celebrata con la consueta messa mattutina con ringraziamento al santo.

La chiesa oggi sorge in un cortile privato, non visibile interamente dalla strada Ardinghi nel rione omonimo.

Essa risale al rifacimento della seconda metร  del XVIII secolo.

Presenta una facciata barocca e all’interno รจ a tre navate scandite dalle antiche colonne della vecchia chiesa. Conserva alcune opere di valore tra cui un prezioso polittico e una pala d’altare attribuibile a Cristoforo Scacco e datate 1503.

L’altare

L’altare รจ sormontato da una pala che raffigura la Madonna della Provvidenza. Rappresenta la Madonna col Bambino che giace sulle sue ginocchia, alla destra sono raffigurati San Pietro avente tra le mani le chiavi del Regno dei Cieli e San Giovanni Battista, San Benedetto prima e San Sebastiano martirizzato alla sinistra.

๐‘ท๐’–๐’ƒ๐’ƒ๐’๐’Š๐’„๐’‚๐’›๐’Š๐’๐’๐’† ๐’‚ ๐’„๐’–๐’“๐’‚ ๐’…๐’†๐’Š ๐’—๐’๐’๐’๐’๐’•๐’‚๐’“๐’Š ๐’…๐’†๐’ ๐‘บ๐’†๐’“๐’—๐’Š๐’›๐’Š๐’ ๐‘ช๐’Š๐’—๐’Š๐’๐’† ๐‘ผ๐’๐’Š๐’—๐’†๐’“๐’”๐’‚๐’๐’†.

Segui